Chi siamo

Mi chiamo Michela e da maggio 2013 gestisco la Casaalpina.


Ho tre figli, un marito e una laurea in conservazione dei beni culturali, un patentino da guida turistica, svariati seminari di marketing del territorio e dieci anni di lavoro per il Parco naturale delle Alpi Marittime. Che altro? Una passione sconfinata per le montagne e l’open air in tutte le sue forme, ma più di tutto ho tante idee, forse anche troppe, la testa dura e l'incontenibile voglia di realizzarle tutte!


Mi piace dire quello che penso e sono molto grata a chi fa altrettanto. Fin dall’inizio non ho considerato tutto questo un lavoro, ma piuttosto un progetto da condividere (in questa intervista provo a spiegarvi come).

Ciò che voglio è che la Casaalpina venga vissuta da chi la sceglie come una casa, non si è ospiti o clienti, si è a casa propria, si vive la casa secondo le proprie esigenze e la si “tratta bene” come si fa con le cose che ci stanno a cuore.


L’idea di condivisione del progetto vale per chi viene in vacanza, ma anche per chi ci lavora. Per ora non c’è personale fisso, ma poco per volta si è creato un gruppo di persone che amano il territorio, il parco o fanno parte della nostra associazione Ecoturismo in Marittime. Mi piace vedere in loro lo stesso entusiasmo che ho io e mi piace ancora di più ascoltare i loro suggerimenti in modo che ognuno possa ritrovare un po’ di stesso in quello che stiamo costruendo.


 

Come siamo

La Casaalpina fa parte dell’associazione Ecoturismo in Marittime e pertanto s’impegna a sottoscrivere i principi enunciati nella Carta del Turismo Sostenibile sottoscritta dal Parco nel 2001.


Come?


Nelle scelte fatte in cucina valorizzando la filiera locale, ponendo la massima attenzione all’accoglienza soprattuto di quelle minoranze che spesso incontrano difficoltà nel vedere soddisfatte le loro esigenze come: famiglie (menu dedicati ai bambini) intolleranti, vegetariani, vegani, meno abbienti, atleti, disabili.


Nel limite del possibile si cerca di garantire la massima flessibilità negli orari dei pasti così che pubblici con esigenze particolari possano trovare un servizio adeguato.

I prodotti utilizzati, per quanto riguarda il comparto ortofrutticolo, sono rigorosamente prodotti stagionali, dove possibile acquistati in Valle, diversamente presso Agrisviluppo, cooperativa della Coldiretti che distribuisce prodotti della Provincia di Cuneo.

La carne proviene dalla Macelleria Parracone di Valdieri, sinonimo di qualità e genuinità.

I formaggi dal caseificio Valle Gesso, insuperabile per i suoi tomini d’Entracque.

Il pane del Panificio Lerda di Entracque che ogni mattina profuma il paese sfornando pane al malto e di segale secondo la tradizione locale.

Quindi grande attenzione alla scelta dei prodotti che poi verranno rielaborati in modo semplice, valorizzando le ricette locali, come fanno le mamme e le nonne in famiglia.


Nelle scelte di gestione: raccolta differenziata, compost, utilizzo di riduttori di pressione dell’acqua e dove possibile di lampade a basso consumo.

Purtroppo siamo ben consapevoli delle nostra scarsa efficienza in termini di risparmio energetico e impatto ambientale per quanto riguarda il sistema di riscaldamento e le caratteristiche strutturali della casa.

Proprio per questo insieme al Comune di Valdieri, al Parco naturale delle Alpi Marititme abbiamo intrapreso un percorso di risistemazione degli infissi partecipando ad un bando del Gal Valli Gesso Vermenagna Pesio.


Nella massima collaborazione con la rete locale: la Casaalpina s’inserisce in un progetto di valle, coprotagonista insieme a popolazione locale, al Parco Alpi Marittime, i comuni di Valdieri e Entracque, l’Ecomuseo della Segale e l’associazione Ecoturismo in Marittime che coinvolge 50 operatori di valle.

 

Descrizione immagine

Meteo Valdieri



News



dal 15/09 al 1/06/2019

aperto solo su prenotazione per i gruppi...




[leggi tutti i dettagli...]